Storia della canoa

La canoa, come molti altri sport moderni, trae le sue origini dalle necessità dell’uomo e dagli usi e costumi dei popoli. Essa, infatti, fu il primo mezzo che gli uomini costruirono per potersi spostare lungo i corsi d’acqua ed i laghi.
Le sue origini sono antichissime: gli storici hanno trovato resti di canoa che risalgono ad almeno 4000 anni fa, ma probabilmente già nella preistoria, osservando i tronchi galleggiare sull’acqua, l’uomo intuì la possibilità di sfruttare gli alberi come mezzo di trasporto. Fu proprio scavando un tronco d’albero che nacque la piroga: la forma più rudimentale e primitiva di canoa.

Successivamente questo tipo di imbarcazione si perfezionò ed ebbe diverse evoluzioni a seconda dell’uso che l’uomo intendeva farne.
Dall’antica piroga sono nati diversi tipi di imbarcazioni, a pala semplice e a pala doppia: dalle prime avrà origine l’attuale canoa canadese così chiamata in quanto erede diretta di quella usata dagli indigeni e dai cacciatori di pelli del Nord America; dalle seconde nascerà il kayak: imbarcazione usata ancora oggi dagli esquimesi per la caccia delle foche ed il trasporto delle pelli.