Su “Pane e Gèrda” si preparava generalmente nel periodo invernale quando, dopo la macellazione del maiale allevato per un intero anno nei cortili domestici, le famiglie avevano a disposizione il lardo. Di questo, gran parte veniva utilizzato per ottenere lo strutto, adoperato, al posto dell’olio d’oliva, per cucinare; la parte solida, sa Gèrda, veniva invece utilizzata per impreziosire il gusto delle minestre e per la preparazione di questo tipo di pane, particolarmente apprezzato in passato così come ai giorni nostri per il sapore particolare conferitogli dai ciccioli.Pane gherda